I più venduti

Information

Lettori

Nuovi prodotti

  • LA FRECCIA NERA
    LA FRECCIA NERA

    Audiolibri Classici su CD Audiolibro su CD in Mp3 LA FRECCIA NERA di...

    13,00 €
  • LA FRECCIA NERA
    LA FRECCIA NERA

    Audiolibri Classici Audiolibro LA FRECCIA NERA di Robert Louis Stevenson...

    6,00 €
  • IL FANTASMA DI CANTERVILLE
    IL FANTASMA DI CANTERVILLE

    Audiolibri gratis per tutti i soci del Club degli Audiolettori. Se siete...

    5,00 €

Speciali

Autori

Elenco dei prodotti da parte del fornitore: Federico De Roberto

Federico De Roberto (Napoli, 16 gennaio 1861 – Catania, 26 luglio 1927) Nacque a Napoli nel 1861, da Federico senior, ex ufficiale di stato maggiore del Regno delle Due Sicilie e dalla nobildonna catanese Marianna Asmundo. Trasferitosi con la famiglia a Catania nel 1870 dopo che il giovanissimo Federico subì la dolorosa perdita del padre, travolto da un treno sui binari della stazione di Piacenza. Da allora, salvo una lunga parentesi milanese e una più breve a Roma, Federico visse all'ombra, gelosa e possessiva, di donna Marianna.


Decisivo per De Roberto, fu il soggiorno a Milano nel 1888, dove fu introdotto da Verga nella cerchia degli Scapigliati, e conobbe Emilio Praga, Arrigo Boito, Giuseppe Giacosa e Giovanni Camerana, consolidando sempre più la sua amicizia con lo stesso Verga e Capuana.


Nel periodo del suo soggiorno milanese collaborò al Corriere della Sera e pubblicò diverse raccolte di novelle e romanzi, fra i quali quello che è considerato il suo capolavoro, I Viceré, nel 1894.


Il ciclo degli Uzeda, la grande dinastia catanese discendente dai viceré spagnoli, le cui imprese popolano le pagine de I Viceré (1894), s’inizia già ne L’illusione (1891) con la particolare raffigurazione di un inquieto personaggio femminile, Teresa Uzeda Duffredi di Casaura; che ruota tra illusione e realtà, con i conseguenti motivi della nevrosi e delle inibizioni.


<<Sognavo di raggranellare una sommetta per riscattare gli stocks delle edizioni invendute dei miei libri per darli al fuoco. Poi venne la guerra e con essa, non che mettere quattrini da parte, nacque l’improvvisa necessità di battere moneta: Ti giuro – e mi devi credere – che se avessi saputo o potuto, se mi avessero preso, avrei fatto il contabile, il magazziniere, lo scaricatore, il lustrascarpe (guadagnano 40 lire quotidiane), per forza di cose dovetti invece di bruciare le edizioni invendute, accettare che si ristampassero quelle esaurite da venti e trent’anni e ricominciare a metter nero su bianco. E’ la sola cosa ch’io sappia o possa fare e nella quale riesca a cavare qualche poco di denaro»


[Da una lettera di De Roberto a Giovanni Verga]


 

Mostrando 1 - 2 di 2 articoli
Mostrando 1 - 2 di 2 articoli